AMALFI

METEO A CURA DEL SITO www.mikivettica.net

-Duomo_di_Amalfi_small.jpg

IL DUOMO DI AMALFI

Costiera-amalfitana_small.JPG

AMALFI PANORAMA

Amalfi-con-bouganville-foto_small.jpg

Amalfi-Amalfi_small-copia-1.JPG

Costa-Amalfi_small.jpg

Profilo

  • Michele Pappacoda mjcheva@live.it
  • SITO VETTICA DI AMALFI ONLINE www.mikivettica.net
  • curioso mattinierocurioso

FOTO VARIE

immagini8.gif

immagini5.gif

immagini15-copia-1.gif

immagini27-copia-1.gif

immagini35.gif

immagini48.gif

immagini45.gif

Tuesday 16 september 2014 2 16 /09 /Set /2014 13:35

 

 

 

 

 

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA C'è attesa nell'ambiente sportivo costiero per l'Amalfi Coast Ultra Trail 2014, l'evento di risonanza internazionale che coniuga sport e cultura, che si svolgerà domenica 21 settembre prossimo. Tre le gare previste, tutte con partenza e arrivo ad Atrani.

Il tracciato di 70 chilometri, appassionante quanto insidioso e impegnativo, attraverserà ben otto comuni: oltre Atrani, Amalfi, Scala, Ravello, Minori, Maiori, Tramonti e Cava dei Tirreni e si svilupperà con un dislivello positivo complessivo di 4650 metri, da percorrere in un tempo massimo di 18 ore e 30 minuti. Perciò la partenza è prevista per le 5,30 del mattino.

La 33 chilometri, invece, coinvolge quattro comuni: Atrani, Amalfi, Scala e Ravello con partenza alle 8.30 del mattino.

La 17 chilometri, denominata Trail della Valle del Dragone, partirà da Atrani alle 9.30 e toccherà i comuni di Ravello e Scala.

Organizzatrice dell'evento è l'ASD Aequa Trail Running, da anni operativa sul territorio costiero nella promozione di Trail. E l'Amalfi Coast Ultratrail 2014 assumerà una connotazione internazionale, perché sarà capace di attirare atleti da tutto il mondo che si confronteranno lungo un percorso duro ed impegnativo. Emergerà soprattutto il carattere culturale della manifestazione, attraverso la conoscenza e la riscoperta di luoghi e di sentieri della Costa d'Amalfi spesso dimenticati, tagliati fuori dalle mete classiche. Ciò che renderà unico l'evento sarà la possibilità di unire il mare con montagne che raggiungono rapidamente i mille metri di altitudine attraversando luoghi pieni di storia in un contesto ambientale di altissimo pregio paesaggistico. Sarà la rarità geomorfologica di questi luoghi a regalare emozioni.

www.trailcampania.it IL VESCOVADO DI RAVELLO

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : COSTIERA AMALFITANA NEWS - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Sunday 14 september 2014 7 14 /09 /Set /2014 11:54

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA

Massimiliano Latorre a casa di una sorella, a Taranto (foto: ANSA)Prima notte a casa per Massimiliano Latorre, il marò pugliese tornato ieri a Taranto per curarsi dopo la lieve ischemia che lo ha colpito in India, dove è trattenuto da più di due anni, insieme al fuciliere Salvatore Girone, anche lui pugliese, con l'accusa di aver ucciso due pescatori, scambiandoli per pirati.

   Massimiliano Latorre è a casa della sorella, dopo essere atterrato, intorno alle 15 di ieri, all'aeroporto militare di Grottaglie (Taranto) dove erano ad attenderlo i famigliari, giunti a bordo di un furgoncino verde della brigata San Marco, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e il capo di Stato maggiore della Marina, l'ammiraglio di squadra Giuseppe De Giorgi.

Il post di Giulia, figlia di Massimiliano Latorre

    Già nella giornata di ieri Latorre è stato sottoposto a visite mediche di rito, necessarie per ottenere formalmente la licenza che gli servirà per riprendersi: Latorre resterà in Italia per quattro mesi stando a quanto deciso dall'Alta corte indiana, ottenute garanzie dell'ambasciata e dello stesso Latorre sulla certezza del rientro. Il fuciliere ieri non ha rilasciato alcuna dichiarazione. La compagna di Latorre, Paola Moschetti, ha chiesto ai giornalisti rispetto per la privacy della famiglia: ''chiedo che nei prossimi mesi - ha detto - sia rispettato il nostro desiderio di assoluta privacy e discrezione. E' tempo che Massimiliano si concentri sui suoi cari e sulla riabilitazione". ANSA

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Sunday 14 september 2014 7 14 /09 /Set /2014 11:50

Papa Francesco celebra il matrimonio di 20 coppie a San Pietro (foto: ANSA)

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA Papa Francesco è entrato nella basilica di San Pietro dove stamane celebra la messa con il rito del matrimonio di venti coppie della diocesi di Roma. Concelebrano con il papa il cardinale vicario, Agostino Vallini, mons. Filippo Iannone, vice gerente e direttore del centro per la pastorale familiare della diocesi di Roma, e quaranta sacerdoti amici degli sposi. "Il matrimonio è simbolo della vita, della vita reale, non è una fiction!". Lo ha affermato Papa Francesco durante la messa in San Pietro in cui celebra il matrimonio di 20 coppie della Diocesi di Roma. "E' la reciprocità delle differenze - ha aggiunto -. Non è un cammino liscio, senza conflitti, no, non sarebbe umano. E' un viaggio impegnativo, a volte difficile a volte anche conflittuale, ma questa è la vita!". "L'amore di Gesù, che ha benedetto e consacrato l'unione degli sposi, è in grado di mantenere il loro amore e di rinnovarlo quando umanamente si perde, si lacera, si esaurisce", ha proseguito il Pontefice. "L'amore di Cristo può restituire agli sposi la gioia di camminare insieme - ha concluso -; perché questo è il matrimonio: il cammino insieme di un uomo e di una donna, in cui l'uomo ha il compito di aiutare la moglie ad essere più donna, e la donna ha il compito di aiutare il marito ad essere più uomo". Auguro a tutti voi un bel cammino, un cammino fecondo. Che l'amore cresca. Vi auguro felicità: ci saranno le croci, ma il Signore è sempre lì per aiutarci ad andare avanti. Il Signore vi benedica". Con queste parole, pronunciate a braccio, papa Francesco ha concluso l'omelia della messa nella Basilica vaticana in cui celebra il matrimonio di venti coppie di sposi della diocesi di Roma.ANSA

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Sunday 14 september 2014 7 14 /09 /Set /2014 11:45

Da sinistra: James Foley, Steven Sotloff e David Cawthorne Haines (foto: ANSA)

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA Per la terza volta in meno di un mese, lo Stato Islamico in Iraq e nel Levante torna a diffondere attraverso il web il terrore e l'orrore: in video postato su internet, ha mostrato una nuova decapitazione, quella dell'ostaggio britannico David Cawthorne Haines, che era scomparso in Siria circa un anno fa. Si tratta di un filmato di due minuti e 27 secondi intitolato "Messaggio agli alleati dell'America". E' diretto al premier britannico David Cameron, ma rappresenta anche una implicita risposta all'offensiva anti-Isis lanciata dal presidente americano Barack Obama, che prevede una vasta campagna di raid aerei in Iraq e anche in Siria, e la creazione di una coalizione internazionale formata a vario livello da decine di Paesi. In una prima reazione, Cameron ha replicato affermando che si tratta di "un omicidio ignobile, rivoltante". "Faremo tutto ciò che è in nostro potere per dare la caccia agli assassini", ha garantito.

Il video ricalca il copione dei due precedenti, che hanno resa nota la decapitazione dei giornalisti americani James Foley e Steven Sotloff. Haines appare in ginocchio, nel deserto, e indossa una tuta arancione, simile a quella dei detenuti del supercarcere militare americano di Guantanamo. Come nei precedenti filmati, anche in questo caso l'ostaggio condanna le azioni del suo governo contro l'Isis e lo accusa di essere responsabile della sua morte, apparentemente leggendo un testo scritto. Secondo la trascrizione del sito web 'Site', che monitora l'attivita' dei gruppi terroristi online, rivolgendosi a Cameron Haines afferma: "Sei entrato volontariamente in una coalizione con gli Usa contro lo Stato Islamico, come ha fatto il tuo predecessore Tony Blair, seguendo la corrente dei nostri premier britannici che non hanno il coraggio di dire no agli americani".

Il boia, interamente vestito di nero e col volto coperto, sembra essere lo stesso dei due precedenti filmati, anche a giudicare dal suo forte accento inglese. E anche in questo caso preannuncia una nuova 'esecuzione': la prossima vittima, dice, sarà un altro ostaggio britannico, identificato con il nome di Alan Henning. E a sua volta, anche il carnefice si rivolge a Cameron, dicendogli che l'alleanza con gli Usa porterà solo ad "accelerare la tua distruzione" e trascinerà la Gran Bretagna "in un'altra sanguinosa guerra che non potete vincere". David Haines, 44 anni, lavorava come esperto della sicurezza per diverse Organizzazioni non governative, e per questo e' stato in molti Paesi segnati da conflitti, come la Libia e il Sud Sudan. Prima di scegliere questa strada, e' stato un militare al servizio di Sua Maesta' per 12 anni. Lascia la moglie e due figlie, di 17 e 4 anni. Solo poche ore prima la diffusione del video, la sua famiglia aveva lanciato un appello ai sequestratori perché si mettessero in contatto con loro, lamentando che questi non avevano mai risposto ai ripetuti loro tentativi di creare un canale di comunicazione. ANSA

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : PRIMO PIANO E ANTEPRIMA - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Sunday 14 september 2014 7 14 /09 /Set /2014 11:39

 

 

 

 

 

 

 

 

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA La comunità religiosa di San Pietro alla Costa, San Michele Arcangelo in Torello e San Cosma, si appresta a salutare Fra Antonio Petrosino che si appresta a lasciare Ravello per continuare a svolgere il suo ministero ad Assisi.

E per domenica 14 settembre i suoi parrocchiani hanno organizzato una grande festa a San Cosma.

Alle 18,30 una Santa Messa di ringraziamento presso il Santuario, anticiperà il momento conviviale in piazzetta, accompagnato dalla musica di Giuseppina Mansi, Michele Criscuolo e di Enzo Del Pizzo che di sicuro avrà preparato qualche verso per l'occasione. Atteso il discorso di commiato del francescano, guida della comunità negli ultimi nove anni.

Garantita l'organizzazione corale dell'associazione Borghi in Festa e dei comitati per i festeggiamenti.

La notizia del trasferimento era stata annunciata lo scorso 9 maggio dal Ministro Provinciale, Frate Eduardo Scognamiglio, nel corso della sua visita alla comunità francescana di Ravello. Poi la comunicazione, come da prassi, all'arcivescovo Orazio Soricelli.

Fra Antonio sarà chiamato a svolgere, presso il Sacro Convento di Assisi, il ruolo di collaboratore del Centro Nazionale Unitario di Pastorale Giovanile Vocazionale, per volere del Ministro Generale. Già Guardiano del Convento francescano di Ravello dal 2005 al 2013, Fra Antonio per nove anni è stato amministratore parrocchiale della comunità di San Pietro alla Costa e San Michele Arcangelo di Torello.

«Consapevole del fatto che ogni umano distacco non è sempre facile da accettare - ha detto al Vescovado - , scriverò una semplice lettera indirizzata ai miei parrocchiani, ai concittadini e a quanti mi hanno voluto veramente bene: questa volta non ho potuto dire di no a san Francesco di Assisi».

Dunque Fra Antonio "torna" da Francesco, nella Città serafica, dove ha compiuto gli studi teologici nella metà degli anni '90, vivendo in prima persona anche la drammatica esperienza del terremoto che nel settembre del 1997 danneggiò finanche gli affreschi della Basilica Superiore.

Intanto la comunità parrocchiale attende di conoscere il nome del pastore che la guiderà a partire dal mese di ottobre.

FONTE IL VESCOVADO DI RAVELLO

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : COSTIERA AMALFITANA NEWS - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 15:17

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA Gli esperti: «Inutile creare allarmismi però è doveroso accelerare con la creazione di piani di sicurezza».

Nei Campi Flegrei il pericolo di un'eruzione è più forte rispetto al Vesuvio, all'Etna, allo Stromboli. Lo sapevamo dalla storia geologica del comprensorio, ma ora è scientificamente dimostrato da un rapporto riservato dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Una ricerca pubblicata due anni fa, ma tenuta rigorosamente sottochiave dalla Protezione Civile, perché il piano di sicurezza del territorio, con l'allargamento nella zona rossa della periferia occidentale di Napoli, ancora non è pronto. Il metodo seguito dai ricercatori dell'Istituto fissa al 10 per cento le probabilità di un'eruzione nei Campi Flegrei. Un livello stabile, registrato attraverso diversi parametri di valutazione, dunque la quota di rischio più alta dell'Europa continentale. Nessun motivo di allarme, ma bisogna prevenire per difendersi. Stesso discorso, ovviamente, per il Vesuvio, pericoloso soprattutto per la densità demografica condensata nel vasto circondario del cratere.

Il rapporto. Si tratta del metodo definito "Operational Eruption Forecasting" che valuta l'evoluzione dell'attività vulcanica nei comprensori a più alto rischio. Per i Campi Flegrei la probabilità dell'eruzione ha superato la quota del 10 per cento. Tutto nasce dallo studio di quattro ricercatori dell'Istituto: Paolo Papale (responsabile della sezione Vulcanologia), Warner Marzocchi, Jacopo Selva, Laura Sandri. Il rapporto è stato pubblicato sul «Journal of Applied Volcanology» nel 2012. La Protezione Civile, però, non ha mai diffuso il testo del lavoro, perché ancora non è stato aggiornato il piano di sicurezza dei Campi Flegrei con l'allargamento della zona rossa.

DI FRANCO MANCUSI IL MATTINO.IT

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : CAMPANIA NEWS - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 15:13

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA SORRENTO. Intorno alle 13 si è verificata una collisione tra due parche nello specchio di mare antistante i Bagni della Regina Giovanna del Capo di Sorrento. L'incidente ha visto coinvolti un motoscafo ed un gozzo in legno.

Sorrento, scontro il mare tra due imbarcazioni (di L. Pane)



Quest'ultimo, in seguito all'impatto, è colato a picco nel giro di pochi istanti. Gli occupanti si sono lanciati in mare e sono stati soccorsi da altre imbarcazioni che si trovavano in navigazione nella zona. Sul posto sono intervenute le motovedette della capitaneria di porto di Castellammare di Stabia.

A lanciare l'allarme sono stati i titolari di un lido balneare che sorge presso la Regina Giovanna. I naufraghi sono stati trasportati al porto di Sorrento e, a quanto pare, tra di essi non ci sarebbero feriti gravi. I militari della guardia costiera sono ora chiamati a ricostruire la dinamica dell'impatto tra le imbarcazioni e le eventuali responsabilità.

IL MATTINO.IT

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : Penisola Sorrentina Vico Equense news - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 15:08

7cc0f33eb9c0674acc2f180feaaaee88

397292 104896189669319 1023336315 n INSERITO DA MICHELE PAPPACODA Efficace intervento degli uomini dell'Aliquota Radiomobile dei Carabinieri della Compagnia di Amalfi intorno alle 23 di ieri hanno tratto in arresto, a Maiori, un giovane napoletano pregiudicato colpito da un ordine di esecuzione carceraria. I Militari, poco prima, avevano notato il giovane dal tipico atteggiamento dell'hinterland napoletano, in compagnia di un amico che si aggirava nel comune di Minori.

I volti poco rassicuranti hanno indotto la pattuglia a seguire gli spostamenti in auto dei due che, a Maiori, sono stati fermati ed identificati.

Il 23enne doveva scontare quattro anni e sei mesi di reclusione per diversi reati legati allo spaccio e al furto, specie d'auto e moto. Arrestato, è stato trasferito presso il carcere di Nisida. Anche il coetaneo, è risultato pregiudicato ma senza alcun carico pendente. Perquisita l'auto non sono stati rivenuti ulteriori elementi.

Questo ennesimo intervento conferma l'attenzione e l'impegno dei Carabinieri della Compagnia di Amalfi, guidata dal capitano Alberto Sabba, nel controllo del territorio e che tende a debellare il fenomeno delle infiltrazioni criminali in Costiera Amalfitana, provenienti per lo più dal napoletano e dall'Agro noceino sarnese.

FONTE IL VESCOVADO DI RAVELLO

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : COSTIERA AMALFITANA NEWS - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 15:04

Le bombe d'acqua della scorsa notte hanno generato l'ultima - solo in ordine di tempo - colata di fango e detriti sulla strada provinciale 1 che collega Ravello a Tramonti e che già sta provocando notevoli disagi. Sono stati in tanti residenti, pendolari e turisti che stamani, di fronte all'invalicabile cumulo di detriti, hanno dovuto fare dietro front per raggiungere le proprie destinazione.

Dunque, si consigliano percorsi alternativi per raggiungere Ravello o l'agro nocerino sarnese.

IL VESCOVADO DI RAVELLO

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : COSTIERA AMALFITANA NEWS - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 14:55

 

TRENO-SICILIA

 

 

 

 

 

 

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA Il sindaco di Catania Enzo Bianco, a seguito della riunione svoltasi a Roma al Ministero per le infrastrutture, dedicata alla realizzazione del progetto di collegamento ferroviario Messina-Catania-Palermo ha dichiarato: “Ho ricevuto, con il pieno sostegno dell’assessore Torrisi, precise assicurazioni sul fatto che nessuno ha intenzione di intervenire nuovamente sul tracciato già definito per l’attraversamento sotterraneo di Catania”.

Alla riunione, presieduta dal Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, erano presenti, oltre al sindaco Bianco, il sottosegretario alle politiche agricole Giuseppe Castiglione, l’assessore regionale ai trasporti Nico Torrisi, i sindaci di Palermo Leoluca Orlando, di Caltanissetta Giovanni Ruvolo e di Enna Paolo Garofalo, un assessore di Messina ed Ercole Incalza, capo della struttura del ministero che si occupa delle grandi opere.

Per le Ferrovie dello Stato era presente l’amministratore delegato Michele Mario Elia,  con la carica di commissario per la realizzazione dell’opera. Presenti anche gli ad di Italfer Matteo Maria Triglia e di Rfi Maurizio Gentile.
Durante la riunione è stato deciso di far partire l’opera entro il primo ottobre 2015. Si avrà dunque un anno di tempo per sciogliere i nodi ancora esistenti. “Da questa e da altre opere strategiche – ha sottolineato Bianco – dipende in larga parte lo sviluppo della Sicilia. E se alle buone intenzioni seguiranno comportamenti concreti, potremo dirci pienamente soddisfatti. C’e’ stata grande sintonia con l’assessore Torrisi e con gli altri sindaci. In particolare ho appoggiato la battaglia di quelli di Enna e Caltanissetta che non vogliono la mega galleria che taglierebbe fuori le due città”.

Tornando al tracciato già definito per l’attraversamento di Catania sia il sindaco Bianco, sia l’assessore Torrisi hanno chiesto di accelerare i tempi di progettazione e di mandare rapidamente in gara l’opera.

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 12:30

cane colpito a colpi d'ascia397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA «Malgrado la ferocia subita – racconta Elisabetta – è un cane dolcissimo, scodinzola ed è grato per essere stato salvato». Chissà quale nero destino deve averlo messo sulla stessa via del suo carnefice: forse era solo un randagio disperato in cerca di un po’ cibo.cane colpito a colpi d'ascia 2 O forse l’ennesimo cane di famiglia improvvisamente diventato ingombrante, uno di quelli da far sparire ad ogni costo. Ancora una storia di violenza assurda sugli animali. Dove il protagonista negativo è sempre lo stesso: l’uomo con il suo carico di odio e di crudeltà. E il disprezzo per la vita dei più deboli. Stavolta però chi ha tentato di uccidere Harlock purtroppo non avrà quel che merita. E il piccolo cane calabrese non avrà giustizia come è stato per Doe, il cucciolo di pitbull massacrato dal suo proprietario, scoperto e condannato a 55 anni di carcere. La sentenza storica viene dall’America. Qui, invece, siamo in Italia.

 

Harlock adesso cerca una casa e qualcuno che sappia amarlo come merita. Per informazioni scrivere a  randagireggini@gmail.com

Fonte www.ilmattino.it

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 11:39

 

 

 

 

 

 

397292 104896189669319 1023336315 n INSERITO DA MICHELE PAPPACODA Chi ha assistito allo schianto, all’incrocio sotto il ponte della Rosa, ha pensato subito alla peggio: la Punto di color blu che proveniva lungo l’Aurelia in direzione Ardenza che prendeva in pieno lo scooter Honda Sh 150 su cui viaggiavano due cinquantenni, marito e moglie. La frenata, il botto e il mezzo a due ruote che volava di qualche metro, fin sul marciapiede. E poi il conducente che restava a terra, cosciente per fortuna, ma immobile e ansimante, mentre la moglie riusciva a rialzarsi, da sola.

In pochi istanti due ambulanze della Svs arrivavano sul posto. Alla donna veniva riscontrata una ferita al piede, l’uomo invece veniva caricato in barella e portato a sirene spiegate al pronto soccorso. Politrauma, diceva il primo referto. Ferite per fortuna non gravi, a dispetto di un incidente che invece era apparso terribile.

Erano circa le 23 di venerdì sera quando è avvenuto lo scontro. Secondo una prima ricostruzione lo scooter, che proveniva da sud, stava svoltando in direzione stadio, mentre l’auto dai cimiteri stava viaggiando in direzione Ardenza. Proprio al centro dell’incrocio è avvenuto lo schianto.

IL TIRRENO.IT

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 11:32

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA Le porte del reparto di patologia neonatale del San Matteo restano chiuse agli sguardi e alla curiosità dei visitatori. Oltre la vetrata c’è uno scricciolo attaccato alle flebo, un bimbo che dopo soli tre mesi di vita deve già affrontare la sua battaglia, la più importante. Lotta per restare in vita e perché non resti nulla di quel trauma ancora senza un perché. Dall’ospedale non arriva nessuna dichiarazione sulle condizioni di salute del bambino, ma secondo fonti interne il piccolo non sarebbe più in coma. Le sue condizioni, tuttavia, restano molto gravi. Il cervello ha riportato lesioni e c’è «un versamento di liquor» che non si è riassorbito del tutto e che ancora preoccupa.

L'inchiesta. Lesioni colpose gravi e abbandono di minore. Sono le accuse che fanno da sfondo all’indagine della procura di Pavia sul bimbo di 3 mesi ricoverato al Policlinico San Matteo per un sospetto “trauma da scuotimento”.

Il ricovero in terapia intensiva. La prognosi, dopo due settimane di ricovero in terapia intensiva, resta riservata. «In questo momento è impossibile valutare i danni che ha riportato il cervello», si limita a dire un medico. Bisogna attendere che il bimbo superi la fase critica. Nel frattempo ci si aggrappa alla speranza che, stavolta, le statistiche vengano smentite. Due terzi di bambini che sopravvivono alla “sindrome del bambino scosso”, infatti, riportano danni neurologici gravi come disturbi allo sviluppo, gravi danni all’udito, alla vista, alla capacità di articolazione del linguaggio fino a invalidità permanenti. È per questo che alcune regioni hanno avviato campagne di prevenzione. L’obiettivo è informare le mamme e i papà sui comportamenti corretti da tenere di fronte al pianto prolungato del neonato. All’ultimo congresso italiano di pediatria la Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome) è stata individuata come «una delle principali cause di morte nel primo anno di vita. Eppure il 75 per cento dei genitori – ha spiegato Pietro Ferrara, docente di pediatria a Roma – non sa che scuotere un bambino può essere molto pericoloso».

DI MARISA FIORE LA PROVINCIA PAVESE

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Saturday 13 september 2014 6 13 /09 /Set /2014 11:18

caseviaslpi--190x130

397292 104896189669319 1023336315 nINSERITO DA MICHELE PAPPACODA Era in sella alla sua bici quando un'auto lo ha investito e ucciso. E' morto così, all'alba di sabato 13 settembre un 45enne in via Alcide De Gasperi a Cologno al Serio. Pochi minuti dopo le 6 un'auto, una Lancia Ypsilon guidata da una 27enne, ha investito l'uomo scaraventandolo a terra. Ancora non si conosce l'esatta dinamica dell'incidente. Sul posto l'intervento dei carabinieri del 112 di Treviglio e una pattuglia della Polizia Stradale, oltre ad un'automedica e un ambulanza. Ma i medici hanno potuto fare ben poco, il 45enne è spirato pochi minuti dopo l'arrivo dei soccorsi.

BERGAMONEWS

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : NEWS ITALIA E DAL MONDO - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Wednesday 10 september 2014 3 10 /09 /Set /2014 11:00

INSERITO DA MICHELE PAPPACODA  Anche questa volta ci avrà pensato qualche cittadino dal profondo senso civico a rimuovere quei cumuli di fango e pomice che nel corso della colata del 1° settembre scorso avevano invaso parte della Ravello-Chiunzi provocando non pochi disagi. Perché restano ancora una volta anonimi gli autori della gradita azione compiuta nella notte tra domenica e lunedì scorsi. In tanti, tra ieri e oggi, percorrendo l'arteria (che, lo ricordiamo, è ufficialmente chiusa dal 31 ottobre 2012) si sono chiesti chi avrebbe potuto rimuovere quei detriti che fino alla mezzanotte di domenica scorsa erano ancora lì.

Non certo la classe dirigente, letteralmente immobile da 22 mesi.

Di sicuro è l'azione di qualche cittadino animato da buon senso e dotato dei mezzi idonei a consentire tale operazione. Perché soltanto l'utilizzo di ruspe avrebbe potuto accumulare tutto il materiale franoso ai bordi dell'arteria evitando, per i turisti diretti a Ravello, di ritrovarsi su un tratto della "Parigi-Dakar". E sono state diverse le auto che nei giorni scorsi hanno subito danni nell'attraversare l'insidioso tratto oppure che sono rimaste impantanate nel fango.

Ma, come sempre, tutto questo servirà a poco, perché gli acquazzoni dei prossimi giorni promettono altri movimenti da quella vena della montagna che vomita, di continuo, un'infinita quantità di frammenti di roccia magmatica.

FONTE IL VESCOVADO DI RAVELLO

Di Michele Pappacoda mjcheva@live.it - Pubblicato in : COSTIERA AMALFITANA NEWS - Community : L'informazione di Michele Pappacoda
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti

L'0RA ESATTA A CURA DEL SITO www.mikivettica.net

---

------------------ 

Présentation

  • : SITO VETTICA DI AMALFI ONLINE www.mikivettica.net
  • SITO VETTICA DI AMALFI ONLINE www.mikivettica.net
  • : Blog
  • : IL SITO BLOG www.mikivettica.net nasce da un idea e dalla volontà di Michele Pappacoda che attraverso l'inserimento di news vuole dare spazio a tanti diversabili e non di essere capaci e sentirsi soddisfatti di aver fatto una cosa loro personale in questo caso l'inserimento di news. SPERO CHE TANTI VORRANNO AGGIUNGERSI A QUESTA MIA IDEA E INSERIRE NEWS. CHI VUOLE PUO CONTATTARMI SUI VARI PROFILI FACEBBOK E SUI MIEI GRUPPI. E UNA BELLA IDEA PARTECIPATE!!!!!!!
  • Segnala questo blog
  • Torna alla home
  • Contatti

Costiera Amalfitana

images--10--copia-1.jpg

Atrani-Salerno-Atrani_small.JPG

images--12-.jpg

images--7--copia-1.jpg

images--8-.jpg

images--9-.jpg

images--11-.jpg

images--13--copia-1.jpg

immagini11.gif

immagini15.gif

immagini21.gif

immagini27.gif

immagini36.gif

musica

 

Créer un Blog

Testo Libero

Recherche

Calendrier

September 2014
M T W T F S S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
<< < > >>

Syndication

  • Feed RSS degli articoli

Immagini a caso

  • images (1)-copia-7
  • Anna Magnani
  • 392466 3716846812612 1149218293 a
  • 536439 111750868982170 1503867479 n
  • 48897 1661767324 1295 q
  • download (1)-copia-1

Profilo

  • Michele Pappacoda mjcheva@live.it
  • SITO VETTICA DI AMALFI ONLINE www.mikivettica.net
  • curioso mattinierocurioso
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Segnala abusi - Articoli più commentati